Come scegliere porte di design per la propria casa

Arredare casa impegna molto tempo e anche parecchia immaginazione, considerando ogni aspetto nel minimo particolare. In un’abitazione di design e stile quindi non possono mancare altrettanti particolari ad hoc come le porte.

È questo l’elemento che colpisce per primo quando si guarda ogni stanza della casa, perché rappresenta un dettaglio atto a completare la bellezza della casa ed è in grado di diventare un di più che fa apparire tutto lo spazio ben arredato.

I materiali delle porte di design

Un aspetto fondamentale di quando si scelgono le porte è legato al materiale in cui sono fatte. Di norma si opta per porte in materiale come legno e vetro: le prime sono quelle che si adattano meglio ai cardini, mentre il vetro va bene per scrigni scorrevoli.

Il legno fa pendant con i colori del muro e con le cornici, dando alla casa un aspetto di design grazie ad un gioco effetto davvero sorprendente. In questo modo le porte diventano regine indiscusse di una casa arredata facendo attenzione ad ogni minimo particolare.

Per quanto riguarda il vetro, esso è altrettanto decorativo e all’avanguardia per un design sorprendente che dà all’ambiente un’aria più chic e moderna. Che sia opaco, lucido o a sbalzo, le alternative che offre una porta di vetro sono considerate moderne e di grande effetto ottico.

Entrambi i materiali a disposizione possono essere accostati con uno o un altro accessorio per un contrasto quando caldo e quando freddo: questo perché anche l’effetto retrò sta tornando di moda e sia il vetro che il legno riescono a combinarsi in modo tale che tutte le stanze vengono completate alla perfezione.

Porte di design: i colori

Dopo aver scelto il materiale si passa a selezionare il colore che più ci aggrada e che più fa pendant con il resto dell’arredamento. Questo non vuol dire però che bisogna per forza usare lo stesso colore anzi, il contrasto e i giochi di tonalità sono ideali per ricreare un’atmosfera moderna e alternativa.

Sì quindi a nuance come total black o total wihite ma anche bianco e nero mischiati: solo così un arredo non troppo sofisticato riesce ad assumere un aspetto molto più chic. Per questo motivo qualunque sia lo stile e qualunque sia il colore scelto, il gioco cromatico renderà possibile la creazione di risultati di grande effetto. Ecco dunque che anche l’uso di decorazioni dipinte a mano, o anche adesive, non andranno a stonare l’ambiente ma darà risalto a quei particolari che altrimenti passerebbero inosservati. Questo decorazioni potranno essere sia astratte, che avere come oggetto fiori farfalle o forme geometriche, il tutto in base allo stile di base che hanno le stanze.

Quale modello di porte di design scegliere?

Arriviamo alla questione spinosa della scelta delle porte: il modello. Ecco allora che ci domandiamo se va meglio quella scorrevole o coi cardini? Una scelta nell’uno o nell’altro senso dipende dallo spazio a disposizione presente in casa. Ad esempio la porta scorrevole si adatta bene a spazi molto ridotti perché consente di recuperare gli spazi per mettere altro.

Il modello con i cardini invece crea un gioco effetto con infissi e stipiti, riportando ad una specie di illusione ottica che ingrandisce l’ambiente. Ultimamente poi sono state progettate delle porte raso muro che non hanno né stipiti né cornici, in maniera tale che si uniformano al muro risultando una sola cosa con tutta la parete.

C’è inoltre da dire che nella scelta della porta bisogna considerare anche la praticità delle stesse nell’essere aperta e nella serratura. Può tuttavia accadere che qualche perno si blocchi o che la toppa per le chiavi si inceppi: cosa fare in questo caso se sei di Torino? Il rimedio si nasconde nella scelta di un fabbro. Chiamare un fabbro Torino sarà un gioco da ragazzi e il problema alla porta si risolverà in me che non si dica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here