Come organizzare una casa nel bosco

Non è difficile trovare un terreno da acquistare in territori abbandonati per via del fenomeno dell’allontanamento delle popolazioni rurali, magari già con una costruzione sul luogo, da rimettere a posto oppure, se il regolamento del Comune lo consente, di costruirvi un’unità immobiliare ex novo.

Occorre, in questo caso, avere buon gusto e rispetto del territorio, costruendo in modo da non alterare il paesaggio ma, al contrario, integrarsi perfettamente con esso. Ci sono molte Aziende che propongono case adeguate a questi luoghi, magari anche prefabbricate, economiche on tronchi o con altre soluzioni costruttive per realizzare il tuo sogno: una casa nel bosco.

Bellissimo avere un’oasi di pace in cui trascorrere del tempo, la fuga dal caos e dallo Stress quotidiano: si tratta di una vera cura per il corpo e per lo spirito ma bisogna affrontare alcuni problemi pratici che possono sembrare insormontabili ma in realtà non lo sono. Uno di questi è l’assenza di possibilità di accesso all’energia: come potrai fare senza corrente? Ti rendi conto dell’importanza fondamentale dell’energia elettrica nel momento in cui questa non c’è: immagina di vivere una situazione di Black out nella tua casa: non funziona più niente, non puoi vedere la TV, non puoi ricaricare il telefonino, sei costretto a stare al buio, salvo ricorrere alle romantiche candele, il cibo nel frigo va a male, un vero disastro. Come puoi pensare di rilassarti e vivere bene in una casa nel bosco in condizioni di questo genere?

Cosa serve in una casa nel bosco

Per il TV puoi risolvere con un’antenna parabolica attraverso la quale ricevere un’ampia gamma di canali di ogni genere per passare piacevolmente il tuo tempo. Installare un impianto satellitare non è affatto difficile: il problema maggiore è posizionare correttamente la parabola che deve essere puntata con precisione verso il satellite ma a questo ci pensa un piccolo apparecchio di basso costo che si chiama “Beam Finder” che, collegato alla parabola, ti indica quando il segnale satellitare è al massimo dell’intensità. Basta fissare in quella posizione la parabole e provvedere al suo collegamento al decoder satellitare collegato alla TV e provvedere alla sua sintonizzazione.

Ma come fare per l’energia elettrica?

Hai bisogno di un mezzo di generazione che può essere rappresentato da un generatore a motore. La scomodità di questo generatore è di essere rumoroso e necessitare di carburante per il suo funzionamento. A parte la rumorosità che certamente stona in u8n bosco, il fatto di bruciare carburante per generare l’elettricità che ti serve, comporta anche un’emissione di fumi nell’ambiente; non è proprio una soluzione ecologica adeguata al luogo. La vera soluzione è un piccolo impianto eolico che ti può rendere autonomo. E’ utile sapere che per una casa nel bosco non puo mancare una pistola per colla a caldo visto che ci possono essere degli imprevisti.

In commercio, anche Online si possono trovare impianti di generazione eolica con costi contenuti, certamente affrontabili e facilmente installabili anche da soli. Alternativa a questo è un impianto fotovoltaico, composto da pannelli solari, regolatori di tensione, pacchi di batteria e inverter che sono forse la soluzione ideale per questa situazione. In una baita nel bosco non avrai bisogno di alta potenza elettrica, giusto quello che serve per alimentare un piccolo frigo, un televisore, una lampadina. La bassa potenza che ti necessita consente di realizzare l’impianto con una spesa piuttosto modesta e non è difficile fare tutto il lavoro anche da soli, basta seguire le istruzioni con un minimo di capacità manuale. Potrai con questo goderti qualche comodità senza spendere un solo centesimo.

Ulteriore alternativa, se vicino scorre un torrentello, è un impianto idroelettrico ancora più economico nell’acquisto in quanto non necessita di pacchi di batteria e anche per via del fatto che pannelli fotovoltaici hanno un costo superiore al sistema di generazione idrico; unirai così il piacere dell’acqua che scorre alla generazione dell’energia che ti serve. Occorre anche pensare a cucinare e al riscaldamento. Per quest’ultimo una stufa catalitica risolverà egregiamente il problema mentre dei semplici fornelli a gas, adattati al GPL della bombola ti permetteranno la preparazione di ciò che vuoi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here